{{ content.logo.text }}

  • {{searchSuggestions.title}}
{{item.title}}

Abstract

Lavorare ad altezze elevate espone gli operatori al rischio di oggetti in caduta dall'alto (attrezzi, dispositivi o altri componenti).

Enel Grids è alla ricerca di soluzioni innovative in grado di evitare la caduta di oggetti o di proteggere gli operatori che si trovino accidentalmente sulla traiettoria di tali oggetti, o almeno di ridurre al minimo le conseguenze derivanti da un eventuale impatto.

Descrizione

CONTESTO

Secondo gli standard di Enel Grids sulle attività in quota (Policy 62, “Linee guida di Global Infrastructure and Networks sulle attività in quota”), lavorare ad altezze elevate espone gli operatori al rischio di oggetti in caduta dall'alto (attrezzi, dispositivi o altri componenti).

La caduta di oggetti può provocare danni agli operatori che si trovino per errore sulla traiettoria verticale di tali oggetti (la cosiddetta “area di impatto”), sebbene indossino i DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) previsti per il corretto svolgimento dell’attività. Il rischio di oggetti in caduta deve essere ridotto al minimo attraverso l’adozione dei necessari accorgimenti tecnici e organizzativi in conformità alla legislazione e agli standard vigenti, ma anche attraverso l’applicazione di misure preventive generali e specifiche, per esempio:

  • pianificazione dell’attività e informazione circa i rischi collegati;
  • controllo del perfetto stato dei componenti utilizzati;
  • segnalazione dell’area di impatto con ostacoli mobili;
  • divieto di transito o sosta di persone/macchinari/veicoli nell’area di impatto;
  • nei limiti del possibile, gli operatori ausiliari a terra devono trovarsi al di fuori dell’area di impatto;
  • prima di iniziare il movimento, tutti gli oggetti devono essere correttamente assicurati;
  • gli oggetti devono essere spostati e sistemati utilizzando sistemi di supporto che abbiano dimensioni, materiali e resistenza adatti al massimo sforzo possibile richiesto (peso del carico, altezza, ecc.);
  • nei limiti del possibile, utilizzo di sistemi di ancoraggio per strumenti e attrezzi in quota collegati ad appositi punti di ancoraggio.

 

Si veda l’ANNEX 3 per casi di utilizzo dettagliati ed esempi illustrati.

 

LA CHALLENGE

Nonostante le misure sopra elencate, esiste un rischio residuale di oggetti in caduta libera che, se dovesse verificarsi, potrebbe avere conseguenze gravi o persino fatali. Per tutelarsi da questi imprevisti, bisogna perciò porre la massima attenzione anche alle misure protettive.

L’obiettivo principale di questa challenge è quello di individuare e/o progettare soluzioni efficaci e innovative in grado di evitare[1]  la caduta di oggetti o di proteggere gli operatori che si trovino accidentalmente sulla traiettoria di tali oggetti, o almeno di ridurre al minimo le conseguenze derivanti da un eventuale impatto.

 

REQUISITI DELLA SOLUZIONE

La soluzione deve rispettare i seguenti requisiti1:

Must have

  • essere efficace nel proteggere gli operatori all’interno dell’area di impatto di eventuali oggetti;
  • essere efficace nel ridurre le conseguenze causate da oggetti in caduta libera;
  • essere trasportabile dagli operatori e dal parco mezzi dell’azienda;
  • essere facile da applicare e installare;
  • essere solida, per essere utilizzata in ambienti di lavoro impegnativi;
  • non interferire con le normali condizioni di lavoro e non creare altre situazioni di rischio;
  • non interferire con le attrezzature attualmente in uso e non ridurre le relative funzionalità;
  • essere compatibile con la maggior parte dei lavori da svolgere, sia elettrici sia non elettrici;
  • essere economicamente vantaggiosa;
  • richiedere la minima manutenzione possibile;
  • essere facile e veloce da adottare;
  • non essere pericolosa/dannosa per i lavoratori;
  • non essere pericolosa per l’ambiente.

 

Nice to have

  • essere efficace nel prevenire la caduta libera degli oggetti;
  • prevedere dimensioni differenti in relazione al peso e a qualsiasi altra specificità degli oggetti interessati;
  • essere modificabile/adattabile in relazione al peso e a qualsiasi altra specificità degli oggetti interessati;
  • essere utilizzabile in diversi contesti di lavoro;
  • essere conforme alle normative vigenti nei paesi del gruppo Enel o essere facilmente adattabile alle normative locali.

1Almeno in relazione ai casi di utilizzo descritti nel PDF nell’ALLEGATO 3.

 

REQUISITI DEL PROGETTO

Le proposte devono essere inviate alla piattaforma openinnovability.com in un invio unico e dovranno includere le seguenti sezioni:

  1. il Solution form online riempito in tutti i suoi campi;
  2. il Template PowerPoint allegato nella piattaforma Open Innovability®, completo in tutte le sue parti:
    • Nome e panoramica della soluzione 
    • Descrizione dettagliata della soluzione
    • Piano di sviluppo
    • Stima del budget
    • Indicatori chiave di prestazione (KPI, Key Performance Indicators)
  3. la possibilità di inserire un allegato con ulteriori dettagli.

 

Per domande sulla challenge e sulla tua proposta, scrivi all’indirizzo infogridchallenges@enel.com.

 

SDG

Questa challenge contribuisce al raggiungimento dei seguenti Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG, Sustainable Development Goals) delle Nazioni Unite:

  • SDG 3: Buona salute e benessere per le persone
  • SDG 8: Lavoro dignitoso e crescita economica
  • SDG 9: Imprese, innovazione e infrastrutture.
{{item.title}}

Regole della Challenge

Tutti i partecipanti sono invitati a leggere attentamente la challenge e il Regolamento di questa challenge (consultare la sezione Allegati qui sotto) prima di inviare una soluzione.

Inviando una soluzione, si accettano automaticamente il Regolamento allegato e i Termini di utilizzo di questa piattaforma.

 

Ammissibilità

Questa challenge è riservata ai dipendenti di EGRIDS e delle controllate, a esclusione dei membri del Team di Valutazione. Secondo quanto disposto dal CTC:

(i)    Una controllata di EGRIDS è un’azienda o altro soggetto giuridico di cui il 50% o più dei titoli con diritto di voto in circolazione sia posseduto, direttamente o indirettamente, da EGRIDS.

(ii)   Il Team di Valutazione comprende le persone fisiche che al momento lavorano, o hanno lavorato anche solo per un breve periodo dalla data di lancio della challenge fino alla data in cui sarà consegnato il premio, nelle funzioni “Health and Safety Enel Grids Global” e “Innovation Enel Grids Global” di EGRIDS.

Enel Grids riconoscerà:

  1. un totale di 4.000 euro lordi a ciascuno dei 9 partecipanti che saranno scelti come vincitori della challenge. Di questi 9 premi, 8 possono essere distribuiti tra le controllate di EGRIDS negli 8 diversi Paesi e uno assegnato alle funzioni centrali di EGRIDS;
  2. un premio aggiuntivo di 2.000 euro lordi da assegnare alla migliore soluzione tra quelle descritte nel punto 1 qui sopra;
  3. altri 5 premi aggiuntivi da 2.000 euro lordi ciascuno da assegnare ad altre soluzioni giudicate interessanti per EGRIDS o per altre società del Gruppo Enel, sulla base del giudizio del Team di Valutazione.

Oltre al pagamento dei premi, Enel offrirà ai vincitori la possibilità di assistere il Project Manager per sviluppare ulteriormente l’iniziativa. Secondo il CTC, il Project Manager è il dipendente del Gruppo Enel incaricato di coordinare il proof of concept della proposta dei partecipanti vincitori. Prima del pagamento del premio, i vincitori si impegnano a sottoscrivere un accordo specifico con EGRIDS per il trasferimento permanente della proprietà e dei diritti di sfruttamento economico relativi alla proposta (accordo sui diritti di proprietà intellettuale, come definito più avanti all'Art. 9). Il partecipante accetta che il pagamento dei premi sia subordinato alla conclusione del suddetto accordo.

 

Termine

I partecipanti possono inviare le loro proposte sulla piattaforma a partire dal 10 novembre 2022 fino alle 23:59 (CET) del 12 febbraio 2023.

Le proposte inviate oltre tale termine non saranno prese in considerazione.

Si veda il regolamento specifico allegato.

Regolamento

Protect operators Regulation

PDF (0.22MB) Scarica

Che cosa accade dopo?

Scaduto il termine della challenge, Enel completerà il processo di revisione e assumerà una decisione sulle soluzioni vincitrici. Tutti i partecipanti che hanno inviato una soluzione saranno informati sullo stato della loro proposta.

Le proposte per ogni challenge saranno valutate da EGRIDS sulla base dei seguenti criteri:

  1. rispetto dei requisiti della challenge e qualità della soluzione, considerando i Must have e i Nice to have, come specificato nella pagina della challenge sulla piattaforma Open Innovability®;
  2. grado di innovazione;
  3. possibilità per EGRIDS di acquisire nuovi diritti di proprietà intellettuale;
  4. le soluzioni non devono essere note o facilmente accessibili agli esperti del settore;
  5. rispetto dei requisiti tecnici e conformità alle normative;
  6. replicabilità in diversi contesti e paesi;
  7. fattibilità economica e realizzativa.
 

I partecipanti riceveranno un feedback al termine della valutazione.

In caso di successo, un rappresentante di Enel si metterà in contatto con i vincitori per discutere i passi successivi.

Allegati

Annex 2 - Solution template

PDF (0.11MB) Scarica

Annex 3 - Use cases

PDF (0.59MB) Scarica

Contattaci

{{content.helpText}}
{{content.helpText}}
{{content.errorMessage}}
{{content.helpText}}
{{content.helpText}}
{{content.errorMessage}}
{{content.helpText}}
{{content.helpText}}
{{content.errorMessage}}
{{ (returnValue && returnValue.label) ? returnValue.label : returnValue }}
Scegli un'opzione
{{value.length}}/{{content.max}}
{{content.errorMessage}}
{{content.helpText}}
{{formError.errorMessage}}