{{ content.logo.text }}

  • {{searchSuggestions.title}}
{{item.title}}

Abstract

Enel Global Infrastructures & Networks è alla ricerca di partner che possano fornire un dispositivo o uno strumento in grado di preparare un cavo e installare automaticamente un accessorio sulle linee di media tensione (MT) delle reti di distribuzione delle società di distribuzione del Gruppo Enel con un intervento minimo dell’operatore

PANORAMICA

Nella pratica, gli operatori si occupano di preparare e riparare i cavi o di installare gli accessori manualmente. Questo avviene in situazioni diverse, come negli scavi nel terreno, alla base dei pali (livello del terreno) o in cima ai pali (altezza raggiunta con cestelli elevatori). Se si considerano dunque i diversi luoghi in cui può avvenire l’intervento, siamo aperti a diversi tipi di soluzioni: un dispositivo leggero, un dispositivo in grado di raggiungere certe altezze con uno strumento capace di soddisfare i requisiti elencati in seguito. Il dispositivo dovrà realizzare le operazioni richieste nel modo più automatizzato possibile, limitando gli interventi manuali e minimizzando così i possibili errori di esecuzione da parte dell’operatore, aumentando la sicurezza dei lavoratori e migliorando le condizioni di lavoro ergonomiche.

Questa challenge è finalizzata a identificare un dispositivo automatizzato da utilizzare in tutti i Paesi in cui Enel possiede reti di distribuzione di media tensione (MT).


Per domande riguardo alla challenge e alla tua proposta scrivi a EnelOpenInnovabilityChallenges@wazoku.com

{{item.title}}

Descrizione

 

BACKGROUND

La soluzione deve prendere in esame due aspetti: la preparazione dei cavi e l’installazione degli accessori.

La preparazione dei cavi prevede che i vari strati (si veda la sezione allegati) siano rimossi per lunghezze e spessori variabili a seconda del tipo di cavo che si sta trattando e delle specifiche di installazione degli accessori del cavo (si veda GSCC015).

 

Sulla fase di preparazione dei cavi:

  • Posizionamento e allineamento dello strumento. 
  • Fissaggio del cavo allo strumento. 
  • Realizzazione del taglio perpendicolare dell’estremità del cavo. 
  • Identificazione della struttura del cavo (tipo, dimensioni, ecc.) secondo le diverse tipologie di cavo trattate da Enel (si veda il documento allegato) attraverso un sistema di riconoscimento automatico (es. ottico). Verifica dei dati con il database caricato in memoria. In alternativa, la macchina può eseguire una calibrazione dello spessore da rimuovere sulla sezione iniziale del cavo (che sarà successivamente rimossa per la preparazione finale).
  • Selezione/acquisizione automatica delle caratteristiche degli accessori da installare per ogni tipo di operazione: se non presenti in database, dovranno essere caricati dall’operatore. 
  • Rimozione dei vari strati di materiale, con l’utilizzo di laser e/o strumenti meccanici, e controllo delle superfici (irregolarità, residui, ecc.). Lo strumento deve essere in grado di rimuovere i vari materiali del cavo con una precisione di 0,1 mm di spessore e lunghezza per far sì che lo spessore degli strati di materiale isolante, semiconduttore e conduttore siano conformi alle specifiche.
  • Acquisizione di immagini di dettagli e assemblaggio delle superfici e dei collegamenti tra un materiale e l’altro. 
  • Registrazione dei dati: posizione GPS, condizioni ambientali, caratteristiche degli accessori e dei cavi, identificazione dell’operatore. Lo strumento deve essere dotato di un sistema di interfaccia integrato con l’operatore (es. schermo touch-screen) e su un supporto esterno (smartphone, tablet). Deve anche essere dotato di una memoria non volatile che contenga il database con le caratteristiche dei cavi e degli accessori utilizzati da Enel.

 

Il trattamento deve essere realizzato in maniera da evitare l’ingresso di polvere o altre impurità provenienti dall’esterno. Al termine di ogni fase di rimozione dei materiali, lo strumento dovrà eseguire un’analisi della superficie per controllare la regolarità del materiale e rimuovere eventuali materiali residui.

 

Sulla fase di installazione degli accessori (eseguita da un operatore):

Giunti:

  • Piastra per l'installazione della connessione dello schermo (questa fase include il nastro per sigillare l'intero giunto e proteggere la giunzione dello schermo metallico)
  • Inserimento del corpo (installazione preliminare del corpo su uno dei cavi da unire);
  • Installazione del connettore meccanico (con la corretta installazione delle viti del fusibile);
  • Mettere i composti sigillanti per preservare i fori delle viti;
  • Posizionamento del corpo;
  • Rimuovere il supporto del corpo.

Terminali:

  • Piastra per l’installazione della connessione dello schermo (questa fase include il nastro per sigillare l’intero terminale e proteggere la giunzione dello schermo metallico)
  • Installazione del capocorda meccanico (con la corretta installazione delle viti del fusibile);
  • Mettere i composti sigillanti per preservare i fori delle viti;
  • Installazione del componente per controllare il campo elettrico e il corpo isolante principale;
  • Rimuovere il supporto del corpo, se presente.

 

In generale, indipendentemente dalla tipologia, un cavo è composto dai seguenti strati di materiale:

  1. Guaina esterna
  2. Strato longitudinale impermeabile
  3. Schermo metallico
  4. Strato semiconduttivo esterno (pelabile a freddo o incollato)
  5. Strato isolante
  6. Strato semiconduttivo interno
  7. Conduttore (alluminio o rame)
{{item.title}}
{{item.title}}

LA CHALLENGE

Enel Global Infrastructures & Networks è alla ricerca di una soluzione automatizzata in grado di eseguire lavori di ricostruzione su cavi di media tensione (MT). Questi lavori includono il ripristino dell’isolamento, della schermatura e del rivestimento, affinché il cavo possa tornare a svolgere la normale operatività. Saranno valutate positivamente la velocità e la praticità d’uso del dispositivo, a patto che non interferiscano con l’affidabilità del sistema.

Le soluzioni inviate devono rispettare i seguenti requisiti.

La soluzione proposta deve:

  • Essere compatibile con le seguenti tipologie di cavi di MT con sezione dai 35 ai 630 mm2:
    • Cavi isolati XLPE, con spessore isolante ridotto e completo, con nastro di alluminio o schermo di filo di rame;
    • Cavi isolati HTPE con nastro di alluminio o schermo di filo di rame;
    • Cavi isolati EPR con schermo di filo di rame;
    • Valutato positivamente: Cavi unipolari isolati in carta impregnata con schermo in piombo;
  • Eseguire terminazioni e giunti;
    • Terminazioni MT: Una terminazione di cavo potrebbe essere considerata come un dispositivo in grado di fornire un controllo dello stress elettrico per lo schermo isolante del cavo, un isolamento completo delle perdite esterne tra il conduttore e il terreno, una guarnizione per impedire l'ingresso di agenti esterni nel cavo fornendo una connessione metallica adeguata (capocorda);
    • Giunti MT: Un giunto potrebbe essere considerato come due conduttori collegati attraverso un connettore meccanico adatto, poi isolati, schermati e rivestiti nuovamente con materiale appropriato e applicati su una superficie adeguatamente preparata. Quando possibile, la giunzione dei cavi è da evitare; tuttavia l’operazione di congiunzione si rivela spesso una necessità.
  • Essere facile da maneggiare e trasportare;
    • Dimensioni: più piccole possibili in modo da essere facile da maneggiare manualmente;
    • Peso: più leggero possibile in modo da essere facile da maneggiare manualmente. Le condizioni critiche riportate nell’ISO 11228 possono essere usate come riferimento.
  • Essere alimentata dalle fonti seguenti:
    • Alimentazione 12 V a CC (direttamente o tramite un convertitore 230 V a CA/CC incluso nella fornitura);
    • Batteria integrata da 12 V a CC con autonomia operativa per almeno 6 installazioni e con indicatore dello stato dell’alimentazione e della batteria che indichi il numero di installazioni rimanenti;
    • NOTA: nella fase di sviluppo sono accettate l’alimentazione 230 V a CA o altre soluzioni;
  • Essere sicura per l’operatore;
    • Lo strumento deve essere dotato di sistemi di blocco di sicurezza per garantire in qualunque momento la sicurezza dell’operatore. Devono essere previsti pulsanti di interruzione di emergenza, facilmente accessibili per l’operatore da qualunque lato del dispositivo;
    • Deve essere inoltre garantito un livello minimo di protezione IP 53 (si deve poter operare in sicurezza anche in caso di pioggia);
    • Tutte le fasi di lavoro devono essere monitorate direttamente o indirettamente (per esempio con micro telecamere) e devono essere confermate dall’operatore (una per una o con una conferma complessiva per tutte le fasi);
  • Rispettare le leggi e le norme di riferimento in vigore nei seguenti paesi:
  • Brasile:
    • NR—10 – Segurança em instalações e serviços em eletricidade;
  • Cile:
    • Reglamento de seguridad de las instalaciones eléctricas destinadas a la producción, transporte, prestación de servicios complementarios, sistemas de almacenamiento y distribución de energía eléctrica y todos sus Pliegos Técnicos;
  • Colombia:
    • RETIE – Reglamento Técnico de Instalaciones Eléctricas;
  • Perù:
    • CNE – Código Nacional de Electricidad – Suministro 2011;
  • Italia:
    • D.Lgs n. 81 del 9 aprile 2008 e successive modifiche;
    • Nota Operativa PVR001 – Rev. 2 – Ott. 2012 - Gestione Garanzie dei materiali di ENEL Distribuzione;
  • Spagna;
    • R.D. 614/2001, de 8 de junio, sobre disposiciones mínimas para la protección de la salud y seguridad de los trabajadores frente al riesgo eléctrico;
    • R.D. 337/2014, de 9 de mayo, por el que se aprueban el Reglamento sobre condiciones técnicas y garantías de seguridad en instalaciones eléctricas de alta tensión y sus Instrucciones Técnicas Complementarias ITC-RAT 01 a 23;
    • R.D. 223/2008, de 15 de febrero, por el que se aprueban el Reglamento sobre condiciones técnicas y garantías de seguridad en líneas eléctricas de alta tensión y sus instrucciones técnicas complementarias ITC-LAT 01 a 09;
  • Romania:
    • NTE 001/03/00 – Normativ privind alegerea izolației, coordonarea izolației și protecția instalațiilor electroenergetice împotriva supratensiunilor;
    • NTE 003/04/00 – Normativ pentru construcția liniilor electrice aeriene de energie electrică cu tensiuni peste 1000 V;

 

REQUISITI DEL PROGETTO

 

La proposta inviata dovrà essere composta da due parti:

1.       Una proposta di collaborazione che includa:

a.       Una descrizione tecnica della soluzione con la spiegazione di come il partecipante intenda soddisfare tutti i requisiti indicati in precedenza. Il partecipante può non rivelare i dettagli oggetto di brevetto o esclusiva, ma dovrebbe fornire prove convincenti che permettano a Enel Global Infrastructures & Networks di apprezzare la bontà dell’approccio e valutarne la fattibilità.

b.       Una breve spiegazione delle capacità, delle strutture/apparecchiature e delle competenze necessarie per realizzare la soluzione proposta. Il partecipante dovrebbe anche dettagliare che cosa potrà fornire e che cosa invece potrà essere richiesto a Enel. Per esempio: “Sono in grado di costruire un prototipo, ma avrò bisogno dell’aiuto di Enel per le fasi di scale up e distribuzione”;

c.       Un quadro generale del percorso da seguire (materiali, risultati attesi, timeline, stime dei costi);

d.       Dati, brevetti e riferimenti di pubblicazioni accademiche o altro materiale aggiuntivo a sostegno della soluzione proposta.

 

2.       Informazioni generali del partecipante, tra cui:

a.       La principale persona di contatto per questa challenge (compresi numero di telefono e indirizzo email). 

b.       Nome e indirizzo dell’organizzazione/azienda/università (compreso il sito internet, se disponibile).

(ATTENZIONE: Nella maggior parte delle challenge ai partecipanti non è concesso inserire informazioni personali di contatto; tuttavia, in una challenge eRFP ciò è invece richiesto.)

[NOTA: Saranno considerate unicamente le proposte inviate da partecipanti che possono collaborare come partner.]

Regole della Challenge

Tutti i partecipanti sono invitati a leggere attentamente la challenge e il Regolamento di questa challenge (consultare la sezione Allegati qui sotto) prima di inviare una soluzione.

Inviando una soluzione, si accettano automaticamente il Regolamento allegato e i Termini di utilizzo di questa piattaforma.

 

Eligibilità

I dipendenti di Enel Global Infrastructures and Networks S.r.l. e delle altre società del Gruppo Enel coinvolti nell’organizzazione e nella gestione della gara o nell’amministrazione del portale Open Innovability®, così come i/le loro coniugi, partner e parenti fino al quarto grado, non sono ammessi a partecipare a questa challenge.

Inoltre, i dipendenti delle società del Gruppo Enel che hanno lavorato nel reparto tecnico relativo ai cavi di media tensione o che lavorano, nel periodo di validità della challenge, alla riparazione dei cavi, così come i/le loro coniugi, partner o parenti fino al quarto grado, secondo quanto stabilito dalla legge italiana, non sono ammessi a partecipare a questa challenge.

Fatto salvo l'articolo 5.5 dei Termini di utilizzo, l'obbligo di concedere i diritti di proprietà intellettuale stabiliti in questo articolo non si applica se la soluzione vincitrice è proposta da un dipendente di una società Enel, a meno che il dipendente sia il proprietario della soluzione secondo la legge nazionale pertinente.

I partecipanti devono descrivere la soluzione in inglese in maniera chiara. Se necessario, c’è la possibilità di allegare documenti (massimo 5 file, 25 MB dimensione totale).

 

Challenge e premio

Questa è una challenge electronic Request-for-Partners (eRFP); il partecipante dovrà inviare una proposta scritta che sarà valutata da Enel con l’obiettivo di stabilire un accordo di collaborazione.

 

Scadenza

Le soluzioni proposte per questa challenge devono pervenire entro le 23:59 (CET) del 31 gennaio 2022.

Le proposte ricevute oltre tale scadenza non saranno prese in considerazione.

Regolamento specifico nel CSA allegato in fondo a questa pagina.

Regolamento

CSA-eRFP Challenge Automated Solution for Cable Preparation and Accessory Installation

PDF (0.11MB) Scarica

Cosa accade dopo?

Al termine della Challenge, il committente completerà il processo di revisione e deciderà la/e Soluzione/i Vincitrice/i. Tutti i proponenti che hanno presentato una proposta saranno avvisati dello stato della propria candidatura. Inoltre, trattandosi di una Ideation Challenge, i proponenti riceveranno solo una valutazione di alto livello di ciascuna proposta.

Enel valuterà le proposte utilizzando i seguenti criteri:

  • Aspetti tecnici e scientifici generali di fattibilità della soluzione proposta;
  • Potenziale economico della soluzione (ad esempio, costo totale della proprietà);
  • Potenziale commerciale per Enel;
  • Novità e creatività;
  • Realismo della soluzione proposta;
  • Livello di maturità della proposta.

 Nel caso in cui il premio preveda una “Collaborazione con Enel”, quando una o più soluzioni adatte saranno state selezionate, Enel si riserva la possibilità di iniziare una collaborazione che comprenda, a titolo di esempio, le seguenti attività, tutte o solo in parte:

  • Esecuzione del test;
  • Produzione di prototipi (se si tratta di macchinari);
  • Installazione e collaudo in sito;
  • Follow up e monitoraggio dell’applicazione dell’idea proposta.

I partecipanti riceveranno un feedback al termine della valutazione.

In caso di successo, un rappresentante di Enel si metterà in contatto con i vincitori per discutere i passi successivi.

Il premio finale per questa challenge è subordinato al positivo completamento del processo di verifica, che include l’accettazione del Challenge-Specific Agreement (CSA) che costituisce il regolamento per questa challenge.

Il processo di verifica prevede che il partecipante invii: affidavit firmato (in base al CSA), esonero di responsabilità del committente (se applicabile) e conferma di identità.

 

RIGUARDO A INNOCENTIVE

InnoCentive collabora con Enel nell’organizzazione di questa challenge.

InnoCentive è il marketplace globale dell'innovazione dove le menti più creative risolvono alcuni dei problemi più importanti del mondo per premi in denaro fino a 1 milione di dollari. Organizzazioni commerciali, governative e umanitarie collaborano con InnoCentive per risolvere problemi che possono avere un grande impatto sull'umanità, in aree che vanno dall'ambiente ai progressi medici.

Allegati

Technical Specifications

RAR (10.1MB) Scarica

Enel Open Innovability User Guide

PDF (0.66MB) Scarica

About the seeker Enel-Global Infrastructure and Networks

PDF (0.36MB) Scarica

Technical Requirements for cable accessories tool_final

PDF (1.21MB) Scarica

CSA-eRFP Challenge Automated Solution for Cable Preparation and Accessory Installation

PDF (0.11MB) Scarica

Contattaci

{{content.helpText}}
{{content.helpText}}
{{content.errorMessage}}
{{content.helpText}}
{{content.helpText}}
{{content.errorMessage}}
{{content.helpText}}
{{content.helpText}}
{{content.errorMessage}}
{{ (returnValue && returnValue.label) ? returnValue.label : returnValue }}
Scegli un'opzione
{{value.length}}/{{content.max}}
{{content.errorMessage}}
{{content.helpText}}
{{formError.errorMessage}}